Documenti
IL NUOVO CALENDARIO VENATORIO REGIONALE
Un unico calendario venatorio per tutta l’Emilia-Romagna: stesse date, stessi orari, stesse modalità di prelievo da Rimini a Piacenza. Lo ha approvato la Giunta regionale nella seduta di ieri, in applicazione della legge di riordino territoriale che ha trasferito le competenze in materia di agricoltura, caccia e pesca dalle Province alla Regione. Si parte il16 aprile con la caccia di selezione al cinghiale e si chiude - in via generale – il 30 gennaio 2017.
Il nuovo calendario sostituisce i nove calendari provinciali che per oltre 20 anni hanno scandito la caccia sul territorio emiliano-romagnolo. Nessun colpo di spugna però sulle buone prassi maturate localmente. E’ infatti prevista la possibilità per gli Atc di integrare il calendario tramite Accordi quadro con le organizzazioni agricole o di presentare specifici progetti sperimentali, per motivate esigenze di tipo ambientale, agricolo o di gestione della fauna. Il termine per presentare i progetti alla Regione è il 30 giugno.


Le date principali 
Sabato 16 aprile si parte con la caccia di selezione al cinghiale. L’1 giugno apre quella al capriolo, mentre l’1 settembre è prevista la preapertura per cornacchia, gazza, ghiandaia, tortora e merlo. Sono queste alcune delle scadenze del nuovo calendario venatorio regionale. Come ogni anno poi è fissata alla terza domenica di settembre l’apertura generale della caccia. Chiusura il 30 gennaio 2017, fatta eccezione per gli ungulati in selezione che potranno essere cacciati fino al 15 marzo.
Dopo la pubblicazione sul Burert il nuovo calendario venatorio potrà essere consultato on line sul sito
http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/caccia/temi/attivita-venatoria/calendario-venatorio 

Su tale sito potranno anche essere verificate le limitazioni speciali all'attività venatoria previste per i Siti di importanza comunitaria e le Zone di protezione speciale della Rete Natura 2000.
Fonte. sito web Regione ER